Sat. Jun 12th, 2021
La campagna vaccinale cresce a rilento. Le Regioni non centrano gli obiettivi: meno iniezioni del previsto

Da quando il generale Figliuolo ha preso le redini della campagna vaccinale c’è stata una netta accelerazione. Soprattutto nelle ultime settimane. Ma i “target” giornalieri assegnati alle Regioni dal commissario all’emergenza Covid spesso non vengono rispettati. Tradotto: le somministrazioni stanno aumentando ma non tanto quanto previsto. Un esempio? Nei sei giorni che vanno dal 23 al 28 aprile l’obiettivo era di inoculare 2.348.256 dosi. Invece, ne sono state iniettate 220mila circa in meno. Le “prestazioni” delle Regioni sono altalenanti. Ci sono dei giorni in cui addirittura vengono superate le soglie fissate da Figliuolo. accaduto venerdì scorso, quando le somministrazioni sono state 77mila in più. Mentre due giorni fa ci siamo fermati a 385mila, a fronte di un target di 455mila. C’è poi il problema delle domeniche. Il piano del commissario non prevede un rallentamento nel tradizionale giorno di riposo settimanale. Invece, è proprio ciò che accade regolarmente. Domenica scorsa sono state vaccinati 265mila italiani, quando sarebbero dovuti essere 380mila. Stessa cosa la domenica precedente, il 18 aprile: 240mila immunizzati a fronte dei 315mila previsti.

In genere il giorno della settimana in cui vengono effettuate più somministrazioni è il venerdì. Il 23 aprile è stato registrato il picco: 397mila dosi. Un dato superato dal risultato di ieri, che ha visto 497.993 inoculazioni. In base al piano di Figliuolo questa era la data clou in cui superare la soglia simbolica delle 500mila vaccinazioni. Obiettivo raggiunto, secondo il commissario, per il quale «i dati delle 16.30 mi danno una proiezione di una forbice tra le 480 e le 520mila dosi giornaliere. La macchina organizzativa è pronta – aggiunge – ora abbiamo anche la benzina. Quando sono arrivato eravamo sotto le 140mila dosi al giorno poi c’è stata una progressione. Nel prossimo futuro ci sono potenzialità di arrivare a 6-700mila». Attestarsi regolarmente su una media di mezzo milione di dosi quotidiane, significherebbe riuscire a raggiungere l’immunizzazione del 70% della popolazione ad agosto. Se, invece, fosse mantenuta la media dal 23 al 28 aprile, circa 360mila dosi al giorno, l’immunità di gregge arriverà a fine ottobre.

Source: https://www.iltempo.it/attualita/2021/04/30/news/record-vaccini-500mila-figliuolo-speranza-campagna-vaccinale-lenta-obiettivi-regioni-covid-27072409/

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Translate »